Maurizio 'Dr. Feelgood' Faulisi
 

Brian Setzer – “Rockabilly Riot! All Original”

Brian

Dal ’94, anno in cui pubblicò il primo album con l’orchestra, Brian Setzer alterna swing e rockabilly con un’attenta cura nel bilanciare i due generi musicali che più l’appassionano.

Brian e il suo management sono coscienti che per quanto entrambe le proposte godano dell’assoluta approvazione del pubblico, non possono dare per scontato che i fan di rockabilly acquistino anche i dischi swing, e viceversa. Un attento check della sua discografia a dire il vero rivela il dato numerico a favore dell’orchestra, con il rockabilly eravamo infatti fermi al 2006, quando uscì “13”, se si esclude l’album strumentale del 2011.
Che il mondo del rock & roll accolga con una standing ovation il ritorno di Brian in versione rockabilly è quantomai giustificato anche dal fatto che trattasi di una raccolta di brani nuovi, tutti.
Lo ha registrato a Nashville con Mark Winchester (bass), Kevin McKendree (piano) e Noah Levy (drums), tre assi in grado di coadiuvare il titolare dell’opera mettendolo nelle condizioni di poter esprimere tutta la sua grandezza.
“Niente sovraincisioni, effetti speciali, correttori di sorta, solo rock & roll suonato in presa diretta come su di un palco”, parole di Brian che esprimono orgoglio per un album originale, di “neo-billy” music, realizzato con lo stesso entusiasmo dei tempi degli Stray Cats, con lo stesso spirito. Musica che rende tributo ai suoni (apparecchiature rigorosamente vintage) e ai grandi del passato (bella “Blue Lights, Big City” omaggio al Buddy Holly di “Blue Days, Black Nights”), che celebra il vinile (“Vinyl Records”), la chitarra di Scotty Moore (“Calamity Jane”) la “Summertime Blues” di Cochran (“What’s Her Name”)…
Un album solido e vigoroso, fatto di canzoni ben pensate ma di incredibile immediatezza, suonate con una tecnica che continua a sbalordire nonostante siano passati quasi 35 anni dal primo LP dei Cats. A partire dall’esplosiva “Let’s Shake” in apertura, talmente forte, elettrica, adrenalinica da poter provocare all’ascoltatore lo stesso potente effetto del debutto datato 1981, ricordate lo shock? Be aware guys…

Commenti

2 commenti su “Brian Setzer – “Rockabilly Riot! All Original””

  1. ambrogio sottocorno scrive:

    Hey Dr Feelgood, Mr Setzer sta al rockabilly come gli AC/DC stanno al rock n roll …..tutto nella natura musicale …. continua cosi sei uno dei migliiri Dj in questo paese di ciulandari Rock forever

  2. Jack Gecchele Giovanni scrive:

    Ciao Maurizio, da appassionato del genere e fan da quando ero bambino degli S.Cats,,auguro a Brian altri infiniti successi.Io come chittarrista ho avuto molto da apprendere dal suo stile, dall suo sound. Spero possano anche le generazioni di musicisti future, assaporare il buon rockabilly di Brian,un insieme di brio,energia, e semplicità un sound diretto che da 30 anni ha scritto un altro libro della storia della musica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *